15.11.13

Clothes in translation #21

Vestire un personaggio immaginato mentre leggi, scegliere il capo che gli vedi addosso, tradurre un'immagine che hai nella tua testa segue lo stesso percorso della parola perfetta che cerchi quando traduci un testo.


To dress an imaginary character as you read, to choose the clothes that you see him wearing, to translate a picture that you have in your head, follows that same path of that one and only perfect word that you are seeking while translating.

Virginia Woolf
La società
Society

This is how it all came about. Six or seven of us were sitting one day after tea. Some were gazing across the street into the windows of milliner's shop where the light still shone brightly upon scarlet feathers and golden slippers. Others were idly occupied  in building little towers of sugar upon the edge of the tea tray. After a time, so far as I can remember, we drew round the fire and began as usual to praise men: how strong, how noble, how brilliant, how courageous, how beautiful they were, how we envied those who by hook or by crook managed to get attached to one for life, when Poll, who had say nothing, burst into tears.

Ecco come fu. Sei o sette di noi si erano fermate dopo il tè. Alcune guardavano fisso le vetrine della modista dirimpetto dove la luce scintillava ancora su piume scarlatte e pantofole dorate. Altre erano oziosamente impegnate a costruire piccole torri di zucchero sul bordo del vassoio. Dopo un po', se ricordo bene, andammo a sedere intorno al fuoco e incominciammo come al solito a lodare gli uomini: come erano forti, come erano nobili, intelligenti, e coraggiosi, e belli, come invidiavamo quelle che di riffa o di raffa riuscivano ad accalappiarsene uno per tutta la vita, quand'ecco che Poll, che non aveva detto nulla, scoppiò in lacrime.
Traduzione di Adriana Bottini
La Tartaruga Edizioni


Vogue Sposa, Sicily 1985. Photo by Debora Turbeville.



6 commenti:

  1. Eccomi, nel luogo incantato :)
    Io avrei vissuto volentieri in quell'epoca.. :*

    RispondiElimina
  2. Vogue Sposa 85! Non ero nemmeno nata:) Che ricerca per ogni basta...bravissima

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!
    Sono incantata dall'abbinamento Virginia Woolf e Deborah Turbeville: un binomio semplicemente spettacolare.

    Alessia
    ElectroMode

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappi che sono stata ispirata dal tuo post su Deborah Turbeville, ovviamente***

      Elimina
  4. Stupendo il brano e stupenda la foto!!!

    RispondiElimina