12.3.13

From Somewhere , Reclaim to Wear e la nostra amatissima ruBriga

Dall'amore per il vintage, gli abiti sartoriali e il fascino delle mercerie di provincia nasce nel 1997 la prima capsule collection From Somewhere degli stilisti Orsola de Castro e Filippo Ricci.  Partendo dall'idea di ripensare la sovrapproduzione dell'industria tessile, decidono di recuperare i ritagli, gli scarti dei campionari, gli scampoli e i fine produzione dando vita a dei capi originalissimi e molto curati.

Qui
Qui.
Qui.


Si tratta in sostanza di una soluzione etica al problema degli scarti pre-consumo, ossia un utilizzo di quei tessuti e quei materiali nuovi che vengono esclusi nel corso della produzione di una collezione di moda e che alla fine avanzano e sarebbero altrimenti buttati via.

Qui.
Qui.
Qui.
Qui.




Inoltre, dopo aver fondato ed essere gli attuali curatori di Esthetica, iniziativa di moda eco-sostenibile supportata dal British Fashion Council che si svolge durante la settimana della moda, Orsola de Castro e Filippo Ricci hanno dato vita a Reclaim to Wear , naturale evoluzione di From Somewhere, ossia un progetto più vasto che vede la collaborazione di altri protagonisti del mondo della moda sensibili ai temi dell'ecosostenibilità come Livia Firth o l'accademia di moda  Central Saint Martins.
O come Topshop dal cui incontro è nata una capsule collection basata sul triplice concetto di reduce, reuse, recycle.

Qui.

Qui.

###

E come dimenticare che oggi è martedì, ossia il giorno della ruBriga! E quindi ricordate di andare da BaiLing a vedere quale elegante meraviglia a righe ci propone. I prossimi martedì tutte le novità sulla nostra amata marinière le troveremo da Caia di Trashic, Clarissa de Lastanzadegliarmadi, Giulia di Giuliarossanigo, Meggie di Despetitpoisgris eppoi qui da me.
Inoltre da domani si inseriscono due nuove fanciulle, Anto di MyVintageCurves e Cecilia di Modeskine che a turno ogni mercoledì ci mostreranno la loro originale visione delle mille righe. Io son curiosissima, e voi?

Never forget ovviamente la pagina facebook della ruBriga, la nostra pinterest board, e l'hashtag #rubriga con cui potete partecipare su Instagram e Twitter: insomma un mare di ispirazioni a righe:)

A presto***




12 commenti:

  1. Ma dove trovi tutti questi stilisti così interessanti?! Grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, è un pozzo senza fondo anche per me! Appena cerchi qualche informazione sulla moda etica vieni rissucchiata in un vortice da cui io personalmente non ho nessuna voglia di uscire ;))
      Ciao cara*

      Elimina
  2. Che bellissimi spunti anche questa volta!!!
    Davvero... c'è un universo di moda alternativa che dobbiamo solo scoprire!
    Baci cara e buona giornata :-***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, anche a te***
      Chissà quante scoperte esaltanti ci attendono;)

      Elimina
  3. Per fortuna ci sono i tuoi post a "tormentare" la mia coscienza...
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che sia un piacevole "tormento"...:))
      Ciao*

      Elimina
  4. Che meraviglie! Davvero interessante questa prospettiva del riuso, ce ne sarebbe sempre più bisogno!
    :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Meggie. Poi vedendo il risultato!
      Bacio*

      Elimina
  5. Lo sia che è un vero piacere leggere i tuoi post. C'è novità e c'è sempre da imparare. Impossibile leggere qualcosa di tuo, almeno per me, e poter esclamare 'l'avevo già sentito o letto da qualche parte'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, mi fa molto piacere quello che hai scritto! Spesso sono novità anche per me e quindi mi entusiasmo anch'io!
      Buona serata***

      Elimina
  6. Adoro le iniziative ecosostenibili e adoro questi post così alternativi :) C, xoxo.
    LePetitMondeDeC
    Facebook
    BlogLovin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie C. Pepe, mi fa piacere:)

      Elimina