6.10.12

Giulia rien à mettre

Questa e tutte le altre foto qui.

Una scoperta fatta di recente e che mi ha assai esaltata sono gli abiti di Giulia rien à mettre, una stilista italiana con un backgroud da architetta ben visibile nell'estetica lineare e curatissima delle sue creazioni.



Tutti gli abiti vengono fatti in Italia usando tessuti come il cotone organico, la canapa, la seta ahimsa (quella buona che utilizza i bozzoli dei bachi da seta quando questi non ci sono più e sono già diventati farfalle), e fibre ecologiche e biodegradabili come la fibra di latte che crea un tessuto morbido, traspirante e e molto igenico grazie al suo alto potere batteriostatico.



Delle collezioni che nascono da un grande gusto estetico ed un altrettanto grande rispetto per i lavoratori, l'ambiente attorno e infine l'acquirente che si porta a casa capi sani, raffinati ed eterni per quanto riguarda il fattore estetico e sartoriale.




I suoi capi li potete trovare in tutto il nord Italia e anche a New York e a Miami. Inoltre ci sono anche su Yoox!

A presto***


2 commenti:

  1. Gli abiti sono veramente particolari e quasi mi sembra di vedere una certa geometricità architetturale; posso esprimere qualche perplessità sul cruccio della modella?

    RispondiElimina
  2. non ero a conoscenza della seta ahimsa, molto interessante. Vorrei tanto trovare libri ben fatti che spiegano i vari tessuti!!

    RispondiElimina